Corso di Bridal Stylist: intervista esclusiva a Patrizia Cavalleri

Prima il diploma di Fashion Design presso l’Istituto Marangoni di Milano, poi la giusta intuizione e la decisione di aprire un’azienda propria, tutta al femminile. Nasce così l’atelier sposa di Patrizia Cavalleri, una stilista, e una donna, con una marcia in più, intraprendente e attenta alle nuove tendenze dettate dal settore della moda.

Proprio questa apertura mentale ha portato Patrizia Cavalleri a specializzarsi come Bridal Stylist, una consulente che ha il compito di studiare lo stile della sposa e degli invitati; da qui l’idea di tenere un vero e proprio Corso di Bridal Stylist per trasmettere alle future spose consigli e suggerimenti per rendere il proprio matrimonio quasi perfetto.

pc1

La terza edizione del corso di Bridal Stylist di Patrizia Cavalleri si terrà questo fine settimana, per la precisione sabato 17 settembre, presso l’hotel Litta Palace di Lainate, a Milano. Sposa senza stress, per l’occasione, ha intervistato la stilista per avere qualche informazione in più…

Come hai deciso di diventare una Bridal Stylist e successivamente di tenere anche dei corsi per diffondere questa professionalità?

Ho l’abitudine di  sfogliare spesso giornali e riviste in cerca di nuove tendenze, e tra queste, ho preso informazioni su questa nuova figura professionale che già si era affermata negli Stati Uniti e che iniziava a farsi conoscere anche in Italia, la Bridal Stylist. Trovandomi poi sempre a contatto con le spose in atelier, ho pensato potesse essere una buona ieda quella di creare un corso per trasferire le mie conoscenze, ma anche per dare dei consigli su come prepararsi al matrimonio.

Come è strutturato il corso per Bridal Stylist?

E’ un corso di specializzazione per wedding planner, make up artist o personal shopper che vogliano fornire una consulenza ancora più completa alle proprie clienti, ma è diretto anche alla future spose che non vogliono commettere errori proprio nel giorno del proprio matrimonio.

Infatti tra i temi trattati nel corso c’è anche quello del galateo: ci dici una cosa che si deve fare e una che assolutamente è vietata per non cadere nelle cosidette brutte maniere?

La prima cosa che vorrei far capire è che il matrimonio è una cosa importante. Ecco perchè se una sposa vuole sposarsi in scarpe da ginnastica, mi permetto di storcere il naso! L’eleganza va seguita, una certa formalità deve essere rispettata. Le giarrettiere blu?! No, grazie. Le scarpe^ Devono seguire lo stile dell’abito da sposa!

Vedo tante spose che arrivano in atelier con tre, quattro riviste sotto braccio e tante idee confuse nella testa. A quel punto chiedo loro di dimenticarsi di tutto; di dimenticarsi di format come “Quattro matrimoni in Italia”, format televisivi che hanno rovinato il mercato nel settore sposa. il matrimonio è un’altra cosa. Non sempre è appropriato un abito a sirena con schiena nuda, tanto per dirne una… almeno non su tutte le future spose.

Quanto tempo occorre per organizzare un matrimonio curato in tutti i dettagli?

Almeno 6 mesi prima bisogna scegliere l’abito da sposa. Eì l aprima cosa da fare. Una volta scelto l’abito si può passare ad organizzare tutto il resto.

Durante il corso si parla anche di un anovità, il Bridal Shower: è una nuova tendenza? Si sta affermando in Italia?

E’ un nuovo tipo di festa, più intima rispetto al tradizionale addio al nubilato, perchè solitamente si invitano solo le amiche più strette. Non so se prenderà piede anche in Italia, forse sì, forse no, staremo a vedere.

Puoi darci un consiglio per scegliere l’abito da sposa?

Io direi: “Guarda tutte le riviste che vuoi, fissa un appuntamento in atelier e azzera tutto quello che hai in testa! Non portare con te più di due persone, e soprattutto, fatti accompagnare da chi non ti influenzi troppo!”.. Il problema è che se le future spose finiscono per farsi condizionare dalla madre o dalla sucoera, nella maggior parte dei casi, finiscono o per non scegliere affatto o scegliere qualcosa che non piace.

Last but not least: per tutte le spose che parteciperanno al corso di Bridal Stylist e che in seguito sceglieranno un abito da sposa dell’atelier di Patrizia Cavalleri, il corso completamente gratuito.

pc2

One Comment

  1. Pingback: Carla Cattaneo Bridal Stylist di Your Personal Look

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *