Damigelle e matrimonio: regole e stili

, , Leave a comment

Damigelle? Ne avevamo già parlato nella nostra sezione “Libri & Film” invitandovi a vedere, se non lo aveste già fatto, il film “Le Amiche della Sposa”. Ma questa volta vogliamo affrontare l’argomento in maniera più seria e approfondita.

bridemaids

Sì, perchè la tradizione delle damigelle risale addirittura alla fine dell’Ottocento, nei Paesi Anglosassoni, quando il numero delle persone che formavano il corteo nuziale indicava addirittura lo status della famiglia della sposa, pertanto, quante più erano le damigelle, tanto meglio era. Ad oggi nei matrimoni reali si può arrivare fino a 12 damigelle, ma secondo le regole del Galateo il loro numero non dovrebbe essere più di otto.

Cosa fanno le damigelle? Tradizionalmente aprono il corteo precedendo la sposa: se sono pari, entrano in chiesa in coppia; se sono in numero dispari fanno l’ingresso una alla volta; se sono più di tre, solo una aprirà il corteo, mentre le altre seguiranno in coppia.

All’uscita della chiesa le damigelle assumono di nuovo la stessa posizione dell’entrata, mentre durante la cerimonia, possono sedersi a fianco dei testimoni degli sposi o tra gli invitati.

Come si vestono le damigelle? Si può scegliere che abbiano tutte lo stesso stile ma colori diversi, oppure tutte dello stesso colore ma in stili diversi. Damigelle con colori di capelli e carnagione diversi sceglieranno probabilmente di seguire un medesimo stile, ma di differenziarsi vestendosi con i colori che più si adattano alle loro caratteristiche soggettive.

Quando invece le damigelle hanno fisicità diverse, ed è particolarmente complicato trovare un modello di abito che vada bene a tutte, allora per non far sfigurare nessuna, si decide di seguire uno stesso colore o una palette guida, all’interno della quale ciascuna damigella potrà trovare l’abito che meglio si addice alle proprie forme e aspetto.

Capitolo a parte per le baby damigelle, quelle che preferisco e forse più in voga dalle nostre parti. Ne parleremo in uno dei prossimi post…

 

Leave a Reply